La dieta del dottor Calabrese: ecco come perdere peso in 4 settimane

La dieta del dottor Calabrese: ecco come perdere peso in 4 settimane

La dieta del dottor Calabrese è una dieta utilizzata e studiata per perdere peso bruciando i grassi. Basandosi appunto solo sul bruciare i grassi, non c’è motivo di preoccupazione per chi vuole preservare la massa muscolare.

Chi svolge attività fisica a livello agonistico, ma anche amatoriale, può quindi seguire senza alcun problema la dieta del dottor Calabrese. Infatti il fisico tonico sarà mantenuto senza problemi, ma si riuscirà a perdere peso, fino a 4 chili.

Tale alimentazione è costituita da 1300 calorie giornaliere. Trattandosi di un regime alimentare piuttosto restrittivo, soprattutto in alcuni casi, non deve essere seguito per un tempo superiore a 4 settimane.

Il piano alimentare della dieta del dottor Calabrese

Innanzitutto, come abbiamo detto, questa dieta non può essere seguita per un tempo superiore a 4 settimane. Di conseguenza dobbiamo aspettarci di aver ottenuto dei risultati, come una perdita di peso intorno ai 4 o 5 chili, già dopo circa un mese.

A colazione si consiglia generalmente di assumere il caffè o il tè. Va bene ogni tanto anche il latte del tutto scremato, a cui abbinare tre fette biscottate. Se lo desideriamo, possiamo spalmare sulle fette biscottate un cucchiaio di marmellata o miele. E’ permessa nelle prime settimane anche la nutella.

Potremo poi fare uno spuntino a metà mattinata. Scegliamo prodotti da forno integrali che non superino i 30 grammi, e preferibilmente siano senza zucchero. Teniamo in considerazione che potremo assumere anche una piccola tazza di tè insieme allo spuntino scelto. In sostituzione, va bene anche un frutto a scelta.

Il pranzo deve sempre essere a base proteica. Una volta alla settimana possiamo inserire o le uova o il formaggio. Tutti gli altri giorni va bene un pranzo a base di carne o pesce, aggiungendo verdure condite con un cucchiaio di olio. Vanno bene verdure lesse oppure bollite, leggere come le zucchine, fagiolini, melanzane, carote eccetera.

A cena si consiglia di assumere carboidrati. Scegliamo la pasta o il riso – che siano comunque integrali -, che dovranno essere mangiate con verdure. Possiamo alternativamente scegliere delle minestre di vario tipo, sempre a base di verdure, oppure di legumi. A cena è permessa l’assunzione di un frutto a scelta.

Ricordiamo di non esagerare nel seguire diete drastiche e di rivolgersi al medico, soprattutto se soffriamo di alcune particolari condizioni di salute.

Articoli correlati

Dieta salva cuore: i cibi sì e i cibi no

Dieta salva cuore: i cibi sì e i cibi no

La bevanda per avere l’addome sgonfio e piatto

La bevanda per avere l’addome sgonfio e piatto

Lenticchie: ecco perché sono così importanti per il nostro organismo

Lenticchie: ecco perché sono così importanti per il nostro organismo

Alimentazione per prevenire i tumori

Alimentazione per prevenire i tumori